[ by g.orsucci ]

                                             ti trovi in    www.orsu.it  >  escursioni  >  orobie  >  rifugio grassi
  RIFUGIO GRASSI
www.orsu.it   schede e fotografie di viaggi ed escursioni

HOME
ESCURSIONI
VIAGGI
CHI SONO
copyright © 2007-2013 | all rights reserved


Il Rifugio Grassi costituisce una delle mete classiche delle nostre montagne. Frequentatissimo in estate, accoglie un gran numero di escursionisti anche nei fine settimana invernali, nonostante il rifugio non possa essere raggiunto per la via classica dai Piani di Bobbio (rischio valanghe nei pressi del Passo del Toro) ma solamente dalla Val Biandino, percorso che richiede quasi 4 ore di cammino.

Per la nostra escursione invernale, come si è detto, dobbiamo dunque partire da Introbio. In macchina, in assenza di neve o ghiaccio, si può salire piuttosto agevolmente almeno fino a quota 900 metri circa, ovvero fino al punto in cui la strada della Valbiandino scavalca il torrente per andare a salire sul versante occidentale della valle. In ogni caso, un comodo sentiero, generalmente ben battuto anche nei mesi invernali, ci evita di percorrere la strada per buona parte della sua estensione.

Le pendenze sono sempre piuttosto moderate fino alla Bocca di Biandino, bella località posta a metà circa della valle, proprio nel punto in cui essa piega con decisione verso Est. Due rifugi, il Rifugio Bocca di Biandino e il Rifugio Tavecchia, assicurano ristoro in tutti i mesi dell'anno. Vale la pena arrivare anche solo fino a qui, e andare ad indugiare per qualche tempo sui prati pianeggianti di questa parte della valle, e raggiungere la Madonna della Neve, pittoresca chiesetta bianca posta a 1595 metri di quota, particolarmente affascinante proprio nei mesi in cui può immergersi e quasi scomparire nel bianco del paesaggio circostante.

Se invece siamo intenzionati a raggiungere il Rifugio Grassi e pensiamo di disporre di forze sufficienti, nei pressi del Rifugio Bocca di Biandino dobbiamo piegare a destra per andare a risalire, ora piuttosto ripidamente, il versante orientale della valle. La salita, inizialmente nel bosco, quindi su assolati pendii innevati, richiede fra i 40 e i 60 minuti di cammino, a seconda del passo e soprattutto delle condizioni della neve. Giunti al Passo del Camisolo, il Rifugio Grassi appare pochi metri più in basso, allineato con le belle cime orobiche.

Dopo una meritata sosta, con la pancia piena del caldo e saporito cibo preparato dai giovani e simpatici gestori del rifugio, bisogna prendere la via della discesa, ancora lunga e a tratti un poco noiosa. Per la discesa occorre ripercorrere lo stesso tracciato di salita.
mappa del percorso








altre escursioni in zona
rifugio brioschi
alpe giumello
rifugio benigni
rifugio azzoni

località di partenza
dislivello complessivo
salita / complessivo
punti di appog. / note

consigliato / qual.foto
itinerario di cammino




la semplice salita verso il Passo del Camisolo

il Rifugio Grassi sullo sfondo delle Orobie come appare dal Passo del Camisolo



il tramonto sul Pizzo dei Tre Signori visto dal Rifugio Grassi

una suggestiva immagine del tramonto dal Passo del Camisolo



descrizione del percorso
Introbio m588 (Valsassina; da Milano h1.20 km 75; da Sondrio h1.20 km 70)
1400 metri
4.00 ore / 6.30 ore
Rifugio Grassi (m1987), tel. 348 8522784, 40 posti letto - Rifugio Bocca di Biandino (m1496), tel. 368 7306103, 45 posti letto  /  in inverno i tempi di percorrenza e le difficoltà variano secondo le condizioni della neve
* * * * *  /  * * * * *
Introbio m588  >  Rifugio Bocca di Biandino m1496 h3.00 E  >  Rifugio Grassi m1987 h0.45 E  >  Rifugio Bocca di Biandino m1496 h0.45 E  >  Introbio m588 h2.00 E
il tramonto sul Pizzo dei Tre Signori visto dal Rifugio Grassi
la semplice salita verso il Passo del Camisolo
il Rifugio Grassi sullo sfondo delle Orobie come appare dal Passo del Camisolo
una suggestiva immagine del tramonto dal Passo del Camisolo




novità VIAGGI | LONDRA
novità ESCURSIONI |
VIA DELLE CRESTE